Mese: Giugno 2021

Le case antisismiche non sono case normali, rispettano determinati principi e caratteristiche che nell’edilizia comune non incontriamo. Scopriamo di più in questo articolo.

Se sei capitato in questo articolo è perché sei sicuramente alla ricerca di maggiori informazioni riguardanti le case antisismiche. Le case antisismiche sono case realizzate secondo specifiche direttive ed utilizzando determinati materiali che mantengono alte le prestazioni in caso di sisma. Sono case molto più sicure e che riducono al minimo i danni strutturali in caso di terremoto e tutelano la persona, o le persone, al suo interno. Sono case realizzate e studiate appositamente per resistere anche ad una forte scossa di terremoto senza perciò imbattere in danni maestosi che la renderebbero invivibile. In Italia sono numerosi i luoghi dove imbattersi in un terremoto è frequente ecco perché sempre più persone si vogliono assicurare di vivere in una casa antisismica e sicura.

Quali sono le caratteristiche di una casa antisismica?

Per sapere se la nostra casa è antisismica l’unica soluzione è recarsi al comune di appartenenza e richiedere di visionare il progetto dell’abitazione, dal progetto si potrà evincere se la casa è antisismica o no. Le caratteristiche principali di una casa antisismica sono:

  • Capacità di resistere a forti terremoti che si possono verificare sul territorio.
  •  Mantiene l’abitabilità e l’agibilità anche dopo una scossa di terremoto, mantenendo quasi del tutto invariata la sua struttura, ovviamente poi dipende da quanto è forte la scossa di terremoto.
  • Sarà in grado di resistere a più scosse continue.
  • Non subirà danni importanti.
  • Deve mantenere la sua forza e le sue caratteristiche nel tempo.

Come si realizza una casa antisismica?

Per realizzare una casa antisismica è necessario considerare vari fattori:

  • Bisogna rivolgersi ad una ditta edile competente nel settore che possa realizzare l’abitazione da zero o apportare le modifiche necessarie a renderla a prova di terremoto.
  • La scelta dei materiali di utilizzo è fondamentale, perché ci sono dei materiali molto più resistenti a cui potersi affidare per realizzare le strutture antisismiche della casa.
  • Un ottimo sistema di costruzione che prevede non solo l’utilizzo dei giusti materiali ma anche la realizzazione di un progetto ottimale.

Perché scegliere questo tipo di abitazione?

Abbiamo visto negli ultimi anni come i terremoti, anche in Italia, siano stati molto devastanti. È bene perciò che chiunque viva in una zona ad alto rischio o anche in prossimità di queste zone si tuteli creando un’abitazione sicura.

Read Full Article

Quando l'autunno si presenta, la magia dei colori non ha fine e Kyoto diventa una grande protagonista con angoli meravigliosi tutti da vedere e da amare.

Da sempre i colori autunnali hanno un fascino speciale e le persone s’innamorano di questi colori della natura. Non a caso, come ci riferisce Domenico Spadaro, titolare del tour operator Tappeto Volante Viaggi, è il periodo in cui la maggior parte sceglie di partire verso queste località.

In Giappone, quando si comincia a vedere le foglie d’autunno (si dice Kouyou 紅葉), qualsiasi zona è visitata da tanti turisti.
Soprattutto le foglie di autunno a Kyoto (京都) sono davvero meraviglioso.
Me vediamo insieme alcuni dei posti più famoso a Kyoto, la vecchia capitale.

3 luoghi di Kyoto da visitare in autunno

Eikando

Se si dice di Kyoto autunno, il primo posto che si pensa è il Eikando (永観堂) una zona molto famosa già da tantissimo tempo.
Affollato con un gran numero di turisti da tutto il paese nel tardo autunno e tutta tinta di rosso vivo o giallo.
Sono stati piantati circa 3000 alberi d’acero lungo il viale d’ingresso, è di grande bellezza.
La notte si illuminano le foglie rosse fantastiche ed è molto luminoso. Guardando questa strada di notte sembra di essere in un posto diverso. Il periodo della caduta delle foglie è da metà novembre a fine novembre.
L’indirizzo è: 48 Eikando Cho Sakyo-ku, Kyoto

Kitano Tenmangu

Oltre a Eikando c’è un altro luogo dove i giapponesi impazziscono in autunno.
Il Kitano Tenmangu (北野天満宮) è famoso come il dio della conoscenza (si chiede il suo aiuto per lo studio per esempio).
Questo posto è molto famoso per i suoi pruni, ma ha dedicato una parte del suo spazio al “giardino dell’acero” che in pochi anni è diventato un posto tra i più visitati nel periodo autunnale.
Di questa pianta ce ne sono circa 250, ma ce ne sono un paio con circa 350-400 anni.
Inoltre, da una posizione elevata con vista fogliame è così meraviglioso improvvisamente lasciato un sospiro.
Si illumina anche qui dopo il tramonto, è possibile immergersi nella fantastica bellezza di foglie di autunno.
Il periodo va da metà di novembre fino a primi di dicembre
L’indirizzo è: Bakuro-cho Imakoji-aga omae-dori Kamigyo-ku, Kyoto

Komyoji

Infine non va dimenticato il Komyoji (光明寺). Popolare come un tempio dell’acero e ci sono piantati centinaia di queste piante, tra cui alcune con più di 100 anniLe foglie si colorano come dei dipinti a colori.
In Giappone queste zone di Kyoto vengono usate spesso per pubblicità turistiche invernali della regione.

È molto bello il tunnel dell’albero dell’acero chiamato viale dell’aceroPer questo vengono centinaia di turisti ogni anno.
Bellissimo è il contrasto delle foglie che riempiono la strada è un capolavoro, la gente non si annoia ed è attirata fino alla fine.
Anche qui il periodo ideale va da metà novembre fine a mese di novembre. 
L’indirizzo è: 26-1 Saijonouchi Ao Nagaokakyo, Kyoto

Questa volta abbiamo visto alcuni luoghi sacri, ma che in questo periodo dell’anno si trasformano e riservano grandi emozioni. Si possono vedere le foglie dai colori bellissimi che hanno in giro anche se si cammina per le strade.

Visitando Kyoto in questo momento, potrete vedere un autunno diverso, sicuramente molto affascinante.

Read Full Article

Si presenta come un bancomat qualsiasi, ma al suo interno sono contenute informazioni personali ben diverse da un estratto conto. A partire dal 2004 la Tessera Sanitaria ha iniziato a far parte delle nostre vite. Ad occuparsi della sua distribuzione è l'Agenzia delle Entrate, utilizzando l'indirizzo di residenza riportato nella banca dati dell'Anagrafe Tributaria. Si tratta di una card che è regolarmente usata dai cittadini quando si recano dal medico, oppure per prenotare esami, acquistare medicinali e beneficiare di visita specialistica in ospedale. Questo perché al tuo interno è contenuto il codice fiscale personale dell’intestatario e rende così più agevoli moltissimi servizi sia in Italia che in nei paesi dell’Unione europea.

Ma dietro a questa tessera plastificata dalle dimensioni ridotte che cosa c’è? Che cosa non conosciamo dell’utilità di una Tessera Sanitaria? Lo vedremo di seguito!

 

Quante cose non sappiamo sulle funzionalità della tessera sanitaria

La prima cosa da chiedersi non è come posso ottenere la tessera sanitaria, ma bensì quante funzionalità “nascoste”  può offrire. Il vero punto di forza della nuova tessera sanitaria è poter garantire la digitalizzazione su più aspetti.

Come riportato già all’interno del Fascicolo Sanitario grazie a questa card abbiamo sempre in tasca il nostro codice fiscale, ma è utile per molte altre prestazioni sanitarie. E quando viene attivata è il mezzo più rapido per accedere ai dati sanitari online. Al suo interno infatti ci sono tutte quelle informazioni che sono importanti per identificare una persona, anche attraverso i referti medici, riuscendo sempre a mantenere alto il livello di sicurezza e privacy.

Non è considerato un documento obbligatorio (anche se per certi aspetti dovrebbe esserlo), ed è gratuita. Questo dettaglio dovrebbe spingere i cittadini a viverla come un perfetto alleato per conoscere o recuperare la propria storia sanitaria sempre aggiornata. E in pochi secondi la si potrà condividere non solo con il proprio medico, ma anche con strutture sanitarie e terapisti per ricevere velocemente un programma di assistenza e cure.

 

Il tuo dosser sanitario a portata di mano

Abbiamo appena detto che grazie alla Tessera Sanitaria si può consultare in modo comodo il proprio fascicolo sanitario elettronico. È quindi importante sapere che la carta ti permette di avere sempre a portata di mano una serie di informazioni:

  • I dati identificativi;
  • Il consenso (o dissenso) per la donazione agli organi;
  • I referti medici;
  • Il Profilo Sanitario Sintetico;
  • I verbali del pronto soccorso;
  • Le lettere di dimissione;
  • I report dei farmaci usati.

 

In che modo si può attivare?

Il proprietario deve presentarsi agli sportelli preposti nella propria regione, dove bisognerà mostrare la Tessera Sanitaria e un documento di identità valido. Oltre all’attivazione, che avviene in pochi minuti, si riceverà anche un codice di accesso personale PIN e PUK e un codice di identificazione CIP solo per alcune regioni). Il PIN è associato alla propria identità digitale legata al microchip; il PUK invece permette di sbloccare la carta nel caso in cui venga inserito erroneamente il codice PIN per tre volte.

 

Che cosa fare in caso di smarrimento o furto?

In caso di furto o di smarrimento della carta è possibile inoltrare una richiesta per riceverne così un’altra. Si può procedere recandosi all’ASL, ad uno sportello dell’Agenzia delle Entrate oppure con la richiesta online. È doveroso fare una precisazione: se la Tessera Sanitaria è anche valida in quanto Carta Nazionale dei Servizi, il duplicato deve essere richiesto attraverso i servizi telematici. Nel caso della Tessera Sanitaria semplice invece bisogna procedere attraverso il sito dell’Agenzia delle entrate.

Read Full Article